Muvig

Per contatti da lunedì a venerdì 9-13 / 14.30-18 numero 0425 21530 – cedi@turismocultura.it

 

Aperto sabato e domenica (in orari di apertura utilizzare il numero del museo 0425 949046):
dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 (da novembre a marzo)
dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 (da aprile a ottobre)
Aperture infrasettimanali su prenotazione.

 

MUVIG
via Benvenuto Tisi, 365
, Garofolo, Canaro, Rovigo
press@muvig.it
0425 949046
www.muvig.it
facebook.com/muvigcanaro/
instagram.com/muvigcanaro/

 

Il progetto del Museo – che è ospitato in quella che la tradizione indica come la casa natale, recentemente restaurata, del pittore – parte dalla convinzione che questo museo debba inserirsi a pieno titolo nel circuito museale tra Ferrara e Rovigo.

L’obiettivo, infatti, è quello di utilizzare la multimedialità come catalizzatore dell’interesse di un pubblico sia locale sia straniero: essa infatti ha permesso di racchiudere in un solo luogo le opere dell’artista, che, nella realtà, si trovano sparse per tutto il mondo, e di garantire  al visitatore, grazie all’impiego di app per device mobili, ricostruzioni 3D, effetti multisensoriali, interfacce interattive e libri virtuali, una fruizione delle stesse in chiave assolutamente inedita e fortemente immersiva.

La Casa, che la tradizione tramanda come Casa natale del famoso pittore Benvenuto da Tisi, a Canaro, da poco rinnovata da un sapiente restauro, apre le sue porte ai singoli visitatori e alle scuole.

Una ricchezza di proposte didattiche per scuole di ogni grado e indirizzo, presentate da un gruppo di lavoro altamente specializzato della cooperativa CeDi Turismo&Cultura. Percorsi museali, diversificati tra multimedialità, arte e divertimento, e visite guidate offrono ai giovani opportunità uniche per conoscere un artista famoso e avvicinare le nuove generazioni al mondo dell’arte a lui contemporaneo. Le opere del pittore, sparse in oltre 40 musei di 12 nazioni diverse, sono raccolte virtualmente in questa casa. Un luogo in cui la “realtà aumentata” è padrona di casa, un luogo in cui i più piccoli possono sperimentare l’arte, giocando con le tecnologie innovative, e i più grandi possono cercare autonomamente i dettagli delle opere del pittore e prendere contatto con usi e costumi dell’epoca di Benvenuto.